Estate e le gomme della tua auto: come prendersene cura

L’estate è il periodo peggiore per la cura dei pneumatici. È importante però fare una buona manutenzione, se si desidera che la loro vita sia lunga, ma soprattutto che continuino a offrire ottime prestazioni. Oggi vedremo insieme tutto quello che dovete fare affinché le condizioni delle vostre gomme rimangano inalterate, anche durante i mesi più caldi.

L’importanza di avere le gomme in buone condizioni

Quando si guida è importante che le gomme siano sempre in ottime condizioni. Sono infatti l’unica parte del veicolo che si collega alla strada, e quella che vi permetterà di guidare in tutta sicurezza la vostra auto. Senza dimenticare poi che se le vostre ruote non rispettano le norme e le regole della strada, rischiate di prendere una pesante multa, oltre naturalmente a mettere in pericolo la vostra incolumità e quella dei vostri passeggeri.
Ad esempio, per evitare scoppi dei pneumatici che potrebbero mettere a rischio la vostra guida è importante che siano gonfiati adeguatamente. La pressione pneumatica è la condizione vitale di qualsiasi pneumatico. Infatti, un pneumatico sgonfio genera più calore a causa flessione eccessiva del fianco, che comporta cattiva gestione e spreco di combustibile. Inoltre, in questo modo si consumerà anche più velocemente. Il caldo aumenta l’accumulo di calore e lo indebolisce. Allo stesso modo, anche gonfiarli eccessivamente sarebbe un errore.

Quando controllarli

I pneumatici dovrebbero essere controllati una volta al mese, soprattutto se utilizzate spesso l’auto. Infatti, l’età non è l’unico fattore che influenza la buona tenuta di strada, in caso di pneumatici usurati. Di solito anche solo un’ispezione visiva può essere utile per individuare eventuali problematiche, come crepe, bolle e strani rigonfiamenti!
Controllate quindi la pressione dei pneumatici, fondamentale per la vostra sicurezza e per quella degli altri guidatori, la profondità del battistrada e la superficie, che sia intatta. Questo allungherà la vita alle vostre gomme e vi farà risparmiare anche sul consumo di carburante.
Il battistrada dei vostri pneumatici, per legge, deve avere una profondità di almeno 1,6 millimetri. È importante anche che le ruote siano allineate. Infatti, una delle ragioni più comuni della prematura usura dei pneumatici è l’allineamento scorretto delle ruote.
Attenzione però: se non sapete da che parte iniziare rivolgetevi sempre a un esperto.

Pressione delle gomme

Per la pressione delle gomme ti consigliamo di seguire questi piccoli, ma importanti procedimenti. Innanzitutto controllate la pressione dei pneumatici quando sono freddi o sono fermi da più di tre ore. Poi gonfiateli seguendo i valori riportati sul cartellino informativo o nella portiera del conducente. Queste indicazioni sono contenute anche nel manuale del veicolo.
I pneumatici vanno controllati ogni mese, perché è dimostrato che perdano in genere fino a 1 psi al mese e che la pressione scenda di circa 1 psi per ogni 10 gradi in più nella temperatura dell’aria.
Se avete intenzione di gonfiare da soli le vostre gomme assicuratevi di acquistare un buon compressore. Una buona idea potrebbe essere anche quella di acquistare un compressore portatile che funzioni con la presa di corrente dell’auto.
Per la ruota di scorta invece potete utilizzare l’azoto, per gonfiarla. Infatti, non tutti sanno che in inverno le gomme si sgonfiano prima che in estate. L’azoto, essendo più grosso a livello molecolare dell’ossigeno, aiuta a contrastare la micro permeabilità naturale della gomma, quindi può essere una valida idea utilizzarlo per la ruota di scorta, perché viene utilizzata meno, si spera, ma allo stesso tempo è necessario che sia gonfia, quando serve. Ovviamente, anche l’azoto può uscire in tanti modi, per questo non cambia molto gonfiarci i pneumatici. A volte è sufficiente una tenuta imperfetta del tallone del pneumatico sul cerchio, oppure non sostituire regolarmente il gambo in caucciù della valvola di gonfiaggio, che la ruota tende a sgonfiarsi.

Usura delle gomme: perché

Ci sono tanti fattori che tendono ad usurare le gomme della vostra auto. Uno su tutti: le frenate brusche. Altri fattori ancora sono i pneumatici gonfiati male, oppure i detriti sulla strada, che possono ridurre la vita dei pneumatici. Per questo motivo, come dicevamo, è importante eseguire controlli periodici. Soprattutto se notate che la vostra auto tende a non tenere più tanto la strada, soprattutto durante le frenate o le curve.
Anche lo stile di guida può sottoporre a stress i vostri pneumatici. Quindi evitate sempre accelerate e frenate brusche, come dicevamo.

Le gomme in estate

L’estate per le gomme può essere poi particolarmente dannosa. Infatti, a causa dei raggi solari tendono a indurirsi e a screpolarsi. Per mantenere i pneumatici intatti, elastici e resistenti, è possibile utilizzare alcuni prodotti. Esistono infatti spray che una volta spruzzati sulle gomme le rinnovano e proteggono l’elasticità nel tempo. Le vostre gomme appariranno immediatamente più nuove e pulite. Naturalmente, prima di applicare questo spray pulite e asciugate le vostre gomme, quindi procedete. Alcuni prodotti invece si applicano tramite pennello o spugna, quindi necessitano di essere lasciati ad asciugare. Si tratta di prodotti speciali ad azione anti-invecchiamento, che assicurano l’originale elasticità del pneumatico proteggendolo dall’indurimento e dalle screpolature provocate dalle radiazioni solari.

Lo stoccaggio delle gomme invernali

Se avete deciso di conservare nella vostra cantina o in garage le gomme invernali, in attesa di rimontarle a tempo debito, fate attenzione. Lo stoccaggio, soprattutto nei mesi estivi, è importantissimo se non si vuole correre il rischio di danneggiarli. Infatti, se non vengono conservati in modo corretto, possono però subire deformazioni e alterazioni permanenti in grado di comprometterne la sicurezza e l’affidabilità. Innanzitutto, prima di smontare e conservare le gomme è utile gonfiarle e memorizzarne la posizione, in modo da poterle invertire alla successiva installazione mantenendo un consumo omogeneo su ogni pneumatico. Lavatele con getto d’acqua pressurizzata al fine di rimuovere detriti ed eventuali residui organici o chimici che possono comprometterne la conservazione. Una volta che li avrete lavati, asciugateli con attenzione. Attenzione poi a mantenerli al riparo dalla luce solare, così come dalle sostanze chimiche. Per evitare che si deformino, riponete le gomme in posizione eretta, ovvero con il battistrada a contatto con il pavimento. Impilateli l’uno sull’altro con il lato esterno del cerchio rivolto verso l’alto. In questo caso può essere d’aiuto acquistare un pratico supporto che permette di distanziare le gomme evitando il contatto diretto fra le stesse. In mancanza di spazio o di un apposito supporto, è possibile considerare la conservazione in sospensione: in questo caso è necessario appendere le gomme al soffitto o alla parete avendo cura di assicurare il gancio o il cavo ai raggi del cerchio.

Speriamo che questo articolo vi possa essere utile per la manutenzione delle vostre gomme.

Vota il post