Ecoincentivi 2021: requisiti e tempistiche

Ecoincentivi 2021

Il nuovo anno si apre con una buona notizia: anche per il 2021 sono stati confermati interessanti incentivi per l’acquisto di nuove automobili. La recente legge di Bilancio dello Stato Italiano ha infatti stanziato oltre 430 milioni di Euro a copertura di ecobonus e incentivi che i cittadini potranno utilizzare per l’acquisto di nuove vetture, con o senza rottamazione.

Come sempre i contributi arrivano in parte direttamente dallo Stato e in parte anche dalla concessionaria: in caso di rottamazione di vecchi veicoli si può arrivare anche a 10000€ di incentivi. I casi però sono molteplici, vediamoli nel dettaglio.

Le risorse a disposizione

Le risorse stanziate dallo Stato per gli ecoincentivi 2021 solo decisamente cospicue: si parla infatti di circa 430 milioni di Euro che si suddividono in incentivi per auto con emissioni di CO2 fino a 60 g/km, vetture con emissioni comprese tra 61 g/km e 135 g/km e veicoli commerciali leggeri. Rispetto all’anno scorso si è alzata la soglia di emissione massima di CO2 per accedere ai contributi: da 110 a 135 g/km.

Quali sono le tempistiche?

I nuovi incentivi sono validi dal 1 gennaio 2021 fino all’esaurimento dei fondi o comunque fino al:

  • 30 giugno 2021 per la fascia di auto con emissioni comprese tra 61 e 135 g/km;
  • 31 dicembre 2021 per la fascia di auto con emissioni comprese tra 0 e 60 g/km.

Il suggerimento è quello di muoversi alla svelta: già nel 2020 questi ecoincentivi sono stati letteralmente presi d’assalto!

Gli incentivi a disposizione

Come abbiamo ricordato, gli incentivi variano a seconda delle emissioni delle vetture. In particolare sono state individuate due fasce:

  • emissioni di CO2 comprese tra 0 e 60 g/km: in questo caso parliamo soprattutto di auto elettriche, ibride plug-in;
  • emissioni di CO2 comprese tra 61 e 135 g/km.

Per quanto riguarda gli incentivi, si può considerare l’ulteriore suddivisione tra 0 e 20 g/km e 21 e 60 g/km. L’ammontare degli incentivi varia inoltre a seconda della rottamazione della vecchia vettura.

Un utile prospetto degli incentivi:

  • da 0 a 20 g/km: 10000€ con rottamazione, 6000€ senza;
  • da 21 a 60 g/km: 6500€ con rottamazione, 3500€ senza;
  • da 61 a 135 g/km: 3500€ con rottamazione (in questo caso senza rottamazione non sono previsti incentivi).

Il prezzo delle automobili nuove non deve superare il tetto massimo di 61000€. Gli incentivi saranno sostenuti in parte dallo Stato e in parte dalla concessionaria che si occupa della vendita dell’auto.

L’ecotassa

Non solo incentivi per l’acquisto di vetture poco inquinanti, ma anche tasse per scoraggiare l’acquisto di vetture con emissioni di CO2 considerate troppo alte. Il Governo ha stabilito un’ecotassa che dovrà pagare chi acquisterà un’automobile inquinante nel 2021. L’importo aumenta all’aumentare delle emissioni:

  • 191-210 g/km: 1.100 €;
  • 211-240 g/km: 1.600 €;
  • 241-290 g/km: 2.000 €;
  • emissioni superiori ai 290 g/km: 2.500 €.

Come accedere ai contributi

Il contributo viene richiesto direttamente dal concessionario, che si deve registrare sull’apposito portale governativo e poi sarà rimborsato direttamente dallo Stato. La stessa procedura è valida anche per le case automobilistiche che già in queste settimane stanno proponendo nuove vetture a prezzi già calcolati sull’incentivo.

I contributi regionali

A integrazione dell’ecoincentivo statale, alcune regioni italiane propongono periodicamente incentivi per l’acquisto di automobili a basse emissioni o mezzi di mobilità alternativa.

Un esempio è l’Emilia Romagna che stanzia fondi per l’acquisto di automobili ad alimentazione ibrida, e consente l’esenzione del bollo auto per i primi 5 anni dall’acquisto di auto ibride o elettriche.

Ogni regione ha le sue regole, anche molto diverse tra loro: un fattore comune è il veloce esaurimento delle risorse. Quindi ancora una volta il nostro consiglio è di fare in fretta, se siete pronti ad acquistare una nuova vettura!

Ti potrebbe interessare anche: