5 trucchi per avere l’auto sempre fresca d’estate

auto-fresca

Anche quest’anno Il grande caldo si è abbattuto sull’Italia e la nostra auto tenderà a prendere le sembianze di una trappola infernale. Il climatizzatore senza dubbio ci verrà in aiuto per affrontare i nostri spostamenti a quattro ruote, anche se occorrerà prestare attenzione a non abusarne.

Impostare una temperatura eccessivamente bassa infatti fa male alla salute, si può perfino correre il rischio di malesseri durante la guida. Inoltre potremmo soffrire gli sbalzi termici: per questo motivo qualche chilometro prima dell’arrivo il condizionatore andrebbe sempre spento, affinché il nostro corpo cominci ad abituarsi alla temperatura più elevata che troverà all’esterno.

Anche l’orientamento delle bocchette dell’aria gioca un ruolo significativo: mai indirizzare il getto verso l’addome, specialmente se si viaggia dopo aver mangiato per non rischiare una congestione!

Un altro “effetto indesiderato” dell’aria condizionata accesa perennemente in auto è il fatto che ci farà consumare molto più carburante, aspetto assai negativo per l’ambiente e per il nostro portafoglio!

Un’auto esposta al sole per diverse ore può arrivare a superare una temperatura di 50-60° e quando vi entriamo, il contatto con le superfici interne, specialmente il volante, i sedili e il cambio, risulterà impossibile senza scottarci e cominciare a sudare copiosamente.

Come porre rimedio a tutto ciò? Come possiamo viaggiare in un’auto fresca e usare il condizionatore solo per lo stretto necessario?

Di seguito analizzeremo 5 semplici accorgimenti per far sì che questa condizione si realizzi.

Primo: posteggiare al riparo dal sole

Il primo “trucco” è banale ma assai funzionale: cercare di posteggiare l’auto all’ombra, al riparo dal sole. L’ideale sarebbe in un luogo chiuso. Quante volte, avendo a disposizione anche un garage, per pigrizia preferiamo parcheggiare sulla strada? Qualche manovra in più ci garantirebbe una vettura fresca e piacevole già dal momento in cui vi saliamo a bordo, senza dover aspettare l’operato dell’aria condizionata impostata alla massima potenza!

Secondo: telo o parasole riflettente

Il secondo suggerimento, qualora non si disponesse di spazi chiusi, zone d’ombra o alberi, è l’utilizzo di un telo chiaro per coprire l’auto in modo da produrre una sorta di isolamento termico. Se non abbiamo il telo, o se si teme che possa venire rimosso, si può proteggere l’auto dal sole, almeno in parte, utilizzando un parasole riflettente da posizionare all’interno dell’abitacolo, tra il cruscotto e il parabrezza. In questo modo almeno i sedili anteriori, il volante e il cambio non diventeranno bollenti.

La posizione dove parcheggiamo la vettura e il modo in cui la schermiamo dai raggi del sole fanno una grande differenza sulla temperatura che raggiungerà internamente!

Terzo: abbassare i finestrini

Il terzo consiglio è quello di tenere abbassati i finestrini dell’auto in sosta per permettere all’aria calda di uscire e incanalare quella più fresca all’interno. Si verrà a creare un flusso continuo d’aria, evitando la formazione una cappa all’interno. I vetri non dovranno essere abbassati più di un centimetro, facendo molta attenzione alla pioggia e ai malintenzionati!

Quarto: pianificare viaggi e spostamenti

Il quarto suggerimento è di pianificare attentamente gli spostamenti o i viaggi. Quando c’è caldo, tra le cose peggiori che ci possano capitare è di restare intrappolati su di una vettura rovente, sotto al sole, imbottigliati nel traffico! Se non abbiamo vincoli, evitiamo gli orari di punta e cerchiamo di viaggiare nei momenti più freschi della giornata, come ad esempio al mattino presto, quando il caldo non ha ancora raggiunto picchi insopportabili. Inoltre sarebbe preferibile scegliere percorsi ombreggiati: un bel viale alberato lungomare è preferibile anche per i nostri occhi!

Quinto: pellicole oscuranti e riflettenti

Il quinto e ultimo consiglio riguarda l’installazione di pellicole oscuranti e riflettenti. Per la legge italiana possono venire applicate solo sui finestrini e sul lunotto posteriori. Questo accorgimento offre notevoli vantaggi: oltre alla maggiore tutela della privacy dei nostri passeggeri, diminuisce la luce solare diretta che penetra all’interno dell’abitacolo permettendo pertanto la riduzione del calore e il conseguente risparmio di carburante (in quanto utilizzeremo meno il climatizzatore). Inoltre sarà una protezione importante per gli interni della nostra auto, che tenderanno a danneggiarsi meno per effetto del sole.

Il condizionatore in ogni caso è uno strumento di fondamentale importanza per combattere il caldo, pertanto consigliamo una corretta manutenzione anche attraverso i regolari tagliandi che prevedono la sostituzione del filtro antipolline.

Vota il post